IT
EN
Menu

Servizi

Prove di impatto

Prove di impatto in piccola, media e piena scala per analizzare il comportamento di elementi strutturali più o meno complessi a fronte di sollecitazioni degli urti.

Nel settore della sicurezza stradale e in quello della sicurezza passiva in ambito ferroviario, queste prove ricoprono un ruolo fondamentale, sia come supporto alla progettazione che come strumento di verifica di soluzioni innovative esistenti ma non più ritenute in linea con gli attuali standard prestazionali. Sono eseguite sia su singoli elementi che su porzioni di dispositivi da testare.

S.T. test – Slitta Prove

Si possono eseguire prove d’impatto mediante slitta mobile su singoli elementi, su protezioni antiurto in ambito industriale, su elementi di arredo stradale e, in generale, su elementi strutturali dei quali si vuole conoscere la risposta ai carichi impulsivi.

La struttura di prova consiste in un carrello mobile opportunamente zavorrato, equipaggiabile con molteplici tipologie, teste impattanti e corredabile di sensoristica quale, accelerometri e celle di carico, con sistema di acquisizione on board. L’energia di impatto, verificata sulla base delle misure di velocità eseguite con un sistema di fotocellule posizionato in prossimità dell’urto e collegato ad un cronometro, è ottenuta facendo scorrere il carrello su un piano inclinato a partire da una quota di lancio calcolata sulla base della massa effettiva di prova, senza trascurare le perdite per attrito. La slitta di lancio può impattare solo a velocità relativamente ridotte.


Carrelli di lancio

AISICO dispone di tre carrelli di lancio di diverso peso: 919 kg, 3.835 kg e 12.890 kg. Tale peso può essere modificato in funzione della zavorra e delle esigenze di impatto. I carrelli utilizzano lo stesso sistema di lancio utilizzato per le prove di crash producendo energie variabili e impatti ad alta velocità. È possibile sottoporre a prove preliminari non soltanto singoli elementi ma anche significative porzioni del dispositivo.

Nei casi di prove su dispositivi di ritenuta stradale, il supporto, terreno o cordolo, può essere esattamente lo stesso della prova di crash e non prevede elementi di sacrificio, come i veicoli.


Impatti ferroviari

I crash test ferroviari hanno la funzione di verificare il comportamento del materiale rotabile in caso di collisioni, di valutare i requisiti di sicurezza passiva per le casse dei veicoli ferroviari e di ottenere dati sperimentali per la validazione dei modelli matematici sviluppati per le verifiche finali dei dispositivi ferroviari.

Il Centro Prove AISICO è accreditato dall’Ente Italiano ACCREDIA (n. 0424L) per l’esecuzione di prove di impatto su sistemi di assorbimento di energia utilizzati in campo ferroviario e su intere cabine ferroviarie in accordo allo standard europeo EN 15227.

L’impianto di prova è costituito da una pista ferroviaria sulla quale vengono lanciati i mezzi di prova e da una parete strumentata di elevata rigidezza posta al termine del binario; gli elementi dissipatori o intere cabine ferroviarie possono essere posizionati sul carro, sulla parete rigida o su entrambi.

L’elaborazione dei dati registrati durante l’urto è eseguita con software calibrati e certificati che consentono di analizzare il comportamento del dispositivo testato in termini di forze trasmesse durante l’urto, deformazioni e decelerazioni.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK